Ho visto il film da poco e mi ha impressionato la nobiltà di Oscar Wilde nell’affrontare le accuse di omosessualità, le umiliazioni, gli abbandoni, i rifiuti.
Non é impazzito, non ha imprecato o si é pianto addosso.
Riguardo le trasgressioni sessuali ancora adesso la società sa essere molto crudele e si mette a ridicolizzare lo stesso personaggio che prima aveva amato e stimato
(forse proprio perché ognuno uccide ciò che più ama?!). Questi scandali vengono entrano in un circolo mediatico e perseguitati in maniera quasi perversa tanto da rimanere più impresse nella memoria di ingenti furti da milioni di euro.
E non perché in Italia “c’è il Papa”, come spesso mi capita di sentire, ma perché la massa fa facilmente la moralista, la perbenista (“io non l’avrei mai fatto”) quando i siti più cliccati sono quello porno, i divorzi spesso (non voglio dire sempre) accadono per dei motivi futili (“non lo amavo più”, chissenefrega, ti sforzi cara), amanti su amanti.
Prima di disprezzare serve sempre un esame di coscienza (e poi mi viene da pensare: disprezzi lui o l’immagine di te che vedi riflessa nell’altro?).

Nonostante questo penso che il karma di Wilde si sia vendicato con un successo strepitoso che arriva anche alle nostre generazioni.

Questa poesia, al di fuori di questi discorsi polemici, é stupenda. Voi cosa ne pensate?

20121221-220755.jpg

Annunci