Tag

, , , , , ,


‘Non avrai altro Dio all’infuori di me’, recita il primo comandamento delle tavole della legge affidate a Mosé sul monte Sinai.

Vecchia storia, si sa a memoria dal catechismo.

Eppure non é così banale come sembra: non riguarda solo il non bestemmiare o il rispetto per una religione puramente monoteista; insegna a non coltivare degli idoli, a dare il giusto peso/valore a ciò che ci circonda. Bisogna apprezzare e ammirare il creato, ma non innalzarlo e portarlo nella testa e nel cuore come se fosse divino. E io mi sto riferendo a qualcuno che può essere un ragazzo o una ragazza che ci ha conquistati e fatti innamorare, un personaggio dello spettacolo o un campione sportivo, una marca di moda, borse, scarpe, una città, un lavoro, un circolo di persone snob in cui ci si impegna per entrare.
Quando idolatriamo queste cose elencate (a voi potranno venire in mente altri esempi), ovvero le vediamo come irraggiungibili, talmente perfette che solo nel pronunciare il nome ci tremano le labbra, e il nostro tempo é impegnato a conformarci ad esse…stiamo perdendo noi stessi.
Sembra un discorso bigotto, ma anche io avevo idolatrato un ragazzo per un po’ di tempo e tutto mi andava a rotoli, distruggevo tutto quello che mi ostacolasse alla sua conquista e temevo questa persona perché le affidavo il mio stato d’animo, la mia mente e il mio sguardo… Come se non fosse un essere umano, ma superiore a me, come se vedessi in lui uno spirito che non c’era. E lui giustamente si spaventava, perché non si sentiva l’entità soprannaturale che io gli disegnavo. Quindi mi credeva matta e da evitare, mentre io mi struggevo e deperivo.
Ovviamente il mio caso richiedeva un po’ più di sensibilità e cura da parte sua, ma le sue reazioni mi hanno aiutato a crescere, a maturare in me un’idea dei rapporti umani e sentimentali.
L’amore eccessivo che si prova nei riguardi di un’altra persona non può portare che all’errore. Platone nel suo Simposio lo poneva al gradino più basso. L’amore puro deve essere innalzato per la poesia, l’arte, la filosofia in un percorso che arriva a Dio, unica Entità così perfetta da meritare un amore così profondo e estasiante. Come circa affermavano gli Stilnovisti che consideravano la ‘donna angelo’ come un tramite a Dio.
Porre troppe aspettative in un essere umano arreca solo che delusione, nella ricchezza o nella ricerca del divertimento assoluto a un senso di vuoto, etc…
Ma non voglio esagerare portando avanti discorsi troppo complicati!
Buon weekend!!

C.A.

20130315-181850.jpg

Annunci